ULTIM'ORA:

“Il fallimento della riconversione dell’ex Golden Lady deve essere un severo monito per tutti”

"Il vastese non puo' subire altre mortificazioni..."

Camillo D'Amico

Comunicato a firma di Camillo D’amico Capogruppo P.D. provincia di Chieti.

Da parziale il fallimento della riconversione dello stabilimento ex Golden Lady di Gissi è diventato definitivo Si sono avverate le previsioni più cupe e tristi. Non basta dirsi solidali con i lavoratori e le loro famiglie ne è utile e sufficiente andare vicino a quelli che presidiano lo stabilimento senza soluzione di continuità. Lo abbiamo fatto e continueremo a farlo per doverosa vicinanza e rispetto umano ma il nostro impegno è cercare di dare risposte concrete. E’ necessario avere risposte chiare ed esaurienti sulle ragioni del fallimento distribuendo in maniera chiara le responsabilità ad ogni soggetto sottoscrittore l’accordo presso il Ministero delle Attività Produttive il 29 Maggio del 2012. Per sola cronaca il Partito Democratico era all’opposizione al governo nazionale, regionale Abruzzese, provinciale di Chieti e comunale di Gissi. Ne il P.D. quanto nessuna altra forza politica di centro – sinistra fecero manifesti di giubilo cercando d’intestarsi i “meriti” della “salvaguardia” di 370 posti di lavoro (???)

Adesso è urgente e non più rinviabile insistere con il Ministero per il tavolo di verifica, constatare con la Golden Lady la possibilità del recesso degli accordi con New Trade e di un impegno più diretto con Silda così come fatto e realizzato per lo stabilimento di Basciano (Te) dove tutte le maestranze sono a lavoro ed il processo di riconversione procede. E’ altrettanto urgente verificare le ragioni dell’ancora non riconosciuta “area di crisi” più volte solo annunciato ma mai effettivamente dichiarato.

Chiaramente il tempo delle prese in giro è scaduto. Gianni Chiodi, Gatti & Di Giuseppantonio portano tutt’intera la responsabilità politica del fallimento. Loro avevano il dovere di verificare la piena affidabilità delle imprese sottoscrittrici sotto l’aspetto manageriale, dell’affidabilità bancaria, della solidità societaria.

Loro dovevano chiedere conto alla Wollo e Golden Lady della credibilità dei progetti industriali presentati a corredo dell’accordo. Loro portano tutt’intera la responsabilità che, i progetti per le infrastrutture previsti nel documento di richiesta dello stato di crisi, sono rimasti solo meri annunci e neanche uno è stato sinora appaltato.

Chiaramente anche la classe dirigente del centro – destra del vastese deve fare una severa autocritica e porsi qualche riflessione sul peso specifico che hanno all’interno dei loro partiti e della coalizione. Altrove, pur con la pesante crisi economica e sociale che stiamo attraversando, qualche segnale positivo si avverte. Quì è sempre più buio totale. Noi, come sempre, la faccia la mettiamo e continueremo a farlo. La speranze è che presto i cittadini ci riconsegnino anche la responsabilità di governo.

Commenta Ora:

Notizie su:

Persone: Camillo D’Amico

  • Notizie Correlate

    1. Picture: Ipotesi riconversione della Golden Lady, i lavoratori ancora in cerca di risposte concrete

      Ipotesi riconversione della Golden Lady, i lavorat...

      Sono prudenti per quello che riguarda la riconversione dell’ex stabilimento della Golden Lady ...

    2. Picture: Ex Golden Lady di Gissi:

      Ex Golden Lady di Gissi: “un mezzo falliment...

      Camillo D’Amico, consigliere Provinciale e Capogruppo P.D. – Chieti: E’ trascorso appena un an...

    3. Picture: Gissi, Golden Lady: due vie per la possibile riconversione

      Gissi, Golden Lady: due vie per la possibile ricon...

      Enrico di Giuseppantonio, il presidente della Provincia di Chieti, ha confermato l’interessamento di...

    4. Picture: Operai vestiti a lutto celebrano il funerale della Golden Lady

      Operai vestiti a lutto celebrano il funerale della...

      Si sono vestiti di nero e hanno celebrato il funerale della Golden Lady i lavoratori …...