Malato di tumore, muore sotto i ferri e scatta l’ira dei parenti

La Polizia costretta a scortare in sala operatoria uno dei medici coinvolti nel fatto. Intanto sulla morte del 60enne di Montenero di Bisaccia aperto un fascicolo dalla Procura e una indagine interna dalla direzione aziendale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti

Ospedale di Vasto

E’ entrato in sala operatoria per l’asportazione di un tumore al rene ed è morto per una successiva emorragia. E’ stato questo a scatenare l’ira di parenti e amici dell’uomo, un molisano di 60 anni. Un’ira che si è tramutata nel danneggiamento delle vetrate dell’ospedale e nell’aggressione ai medici. “Assassini”, avrebbero gridato rivolti ai medici dell’ospedale.

E’ successo all’ ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto dove è dovuta intervenire la Polizia per placare gli animi anche se non del tutto visto che questa mattina uno dei medici coinvolti nel fatto, il professor Luigi Schips, è dovuto andare in sala operatoria scortato dagli agenti del Commissariato.
Sarà la Procura della Repubblica di Vasto, adesso, a chiarire le cause del decesso, attraverso l’autopsia sul corpo di Nicolino Gianfelice, sessantenne di Montenero di Bisaccia. L’esame, chiesto dalla stessa direzione sanitaria del ‘San Pio da Pietrelcina’, si terrà nel pomeriggio di domani, presenti i periti di parte, Pietro Falco per la Asl, Ivan Melasecca per Schips e Christian D’Ovidio per la famiglia del paziente. Proprio su richiesta della famiglia, che ha denunciato il caso, il sostituto procuratore della repubblica di Vasto, Enrica Medori, ha fatto sequestrare la cartella clinica e si appresta, come atto dovuto, a iscrivere sul registro degli indagati chirurghi, assistenti e ferristi al lavoro durante l’intervento chirurgico.

“Nicolino – hanno detto nei corridoi del reparto amici e parenti del paziente deceduto – è entrato vivo in sala operatoria ed è uscito senza più vita”. Amarezza profonda quella espressa dal professor Luigi Schips, primario di Urologia del ‘San Pio’, una delle punte di diamante della Asl di Lanciano-Chieti-Vasto, visti gli interventi d’avanguardia eseguiti in questi anni. Secondo la Asl, stando a quanto riporta l’agenzia Agi, si trattava di un caso disperato: l’uomo aveva un tumore invasivo di 11 centimetri che aveva già aggredito vena cava e fegato. Prima di intervenire, il professor Schips ha chiesto anche la presenza di un altro chirurgo. Sempre secondo la Asl, il tumore sarebbe stato rimosso con successo ieri mattina, ma nel pomeriggio, per l’emoglobina bassa e una raccolta di sangue, si era deciso di intervenire nuovamente. Non è stato possibile, perché il paziente sarebbe deceduto prima di essere intubato. Sarà l’autopsia, adesso, a chiarire cosa ha provocato l’emorragia e se i medici abbiano operato con la dovuta perizia. Nicolino Gianfelice, imprenditore del ramo tessile, era molto conosciuto a San Salvo, dove faceva l’allenatore della squadra di calcio a 5.

E intanto la Asl Lanciano-Vasto-Chieti ha annunciato una indagine interna dopo la morte di Nicolino Gianfelice. A confermarlo è la direzione aziendale che ricorda come la vittima fosse stata sottoposta “ad un lungo e complesso intervento chirurgico, finalizzato all’asportazione di un tumore del rene (di dimensioni tali da avere invaso anche la vena cava e il fegato)”.

E Francesco Zavattaro, direttore generale dell’azienda sanitaria, ha voluto confermare ”la piena fiducia nella professionalità degli operatori che si sono occupati del caso, ma al tempo stesso è nostro dovere approfondire le circostanze che hanno determinato il decesso”.

Commenta Ora:

Notizie su: , ,

  • Notizie Correlate

    1. Picture: Muore dopo cinque ore di agonia in un incidente nei campi a Casalbordino

      Muore dopo cinque ore di agonia in un incidente ne...

      E’ stata, forse, una zolla di terreno più morbida delle altre a tradirlo. A fargli perdere &he...

    2. Picture:

      “Non c’è posta per noi”, e a Pia...

      Posta che arriva con il contagocce e con almeno 20/30 giorni di ritardo e che …...

    3. Picture: Creazione degli istituti comprensivi, scatta la protesta all'Aniello Polsi

      Creazione degli istituti comprensivi, scatta la pr...

      Quella filiera proprio non gli piace. E tanto meno ai genitori degli studenti della scuola …...

    4. Picture: Città Sant'Angelo: tragedia all'Outlet Village, muore bambina di 5 anni

      Città Sant’Angelo: tragedia all’Outlet...

      E’ morta a soli 5 anni durante una normale giornata di shopping. La piccola Catherine …...